Questa settimana si è discusso su alcuni giornali di una questione relativa alla mensa scolastica presso il Comune di Savona, servizio triennale gestito in appalto dalla cooperativa CAMST per una cifra intorno ai 5 milioni di Euro, uno degli appalti più onerosi per il Comune.

secolo

La questione è nata da una semplice e “prevista” visita presso il centro cottura sito in Vado. “Semplice” perché di fatto trattasi di una visita dei componenti Commissione Mensa, organo trasversale istituito tra insegnanti, genitori e responsabili del servizio, con lo scopo di supportarne le attività in termini di controllo, suggerimenti, verifiche e migliorie. “Prevista” perché fissata in una data nota a priori.

Su richiesta esplicita il Movimento 5 Stelle, a mio avviso anche per una valida e doverosa funzione di “controllo” che tutte le forze politiche dovrebbero effettuare negli appalti pubblici, è intervenuto con 2 deputati della Commissione Cultura e 1 consigliere del Movimento 5 Stelle di Savona, insieme ad alcuni rappresentanti della Commissione Mensa.

A questo punto il fatto: negli scaffali dove sono presenti alimenti per la cottura, sono stati ritrovati diversi sacchi di farina scaduti da circa 15 giorni.

Chi era presente per conto della CAMST ha da un lato addotto alcune giustificazioni, pur non negando ovviamente il fatto in sé, anche perché impossibile negarlo. Chi dall’altra parte presente, in alcuni casi ha colto con molta preoccupazione l’accaduto.

Alcuni invece hanno prontamente sminuito il tutto, l’Assessore Sorgini in primis, ed in cascata altre figure ed addirittura alcuni membri della commissione mensa. Per l’Amministrazione trattasi di alimenti che comunque erano chiaramente tracciati e individuabili come scaduti e quindi da smaltire. Ed io su questo vorrei fare una considerazione, anzi 2.

La prima è che immediatamente vi sono stati riferimenti relativi all’errore umano e la ricerca del colpevole, guarda caso l’ultimo della catena. Niente di più sbagliato laddove vi è un servizio così delicato ci devono essere delle procedure meticolose, scritte e che ne disciplinano l’esecuzione, di conseguenza diversi livelli di controllo con diversi soggetti addetti. Pertanto, la considerazione in questo caso è che siano mostrate queste procedure, non note ai membri della Commissione Mensa, e sia chiarito dove la procedura ha fallito perché si possa migliorare ed evitare nuovamente un caso del genere. Non è un fatto banale ma è proprio questa la ragione dei controlli per un processo di miglioramento continuo, peraltro poco credibile che fossero noti come materiale da non utilizzare perché in mezzo a tutto il restante per uso cottura, non giriamoci intorno.

Altra considerazione è la reazione. La CAMST basti fare qualche ricerca, è una cooperativa nata a Bologna e diventata un colosso della ristorazione negli appalti pubblici, presente in moltissimi comuni, molti dei quali amministrati dal Partito Democratico, perché alla guida di essi ovviamente, cosa avevate capito?  E per questo comunque non esente da critiche o problemi, alcuni dei quali:

http://torino.repubblica.it/cronaca/2014/06/25/news/mense_scolastiche_blitz_dell_asl_sigilli_alle_cucine_camst-89970994/

giornale

Non vi è nulla di strano o anomalo nel pretendere controlli, nell’eseguirli in prima persona o nel farli eseguire anche da una parte politica avversa. Il diritto di controllo e critica anzi, dovrebbe essere trasversale in un appalto di questo genere. Ed inoltre, gli stessi Comitati che nascono nelle scuole, possono e debbono essere attori protagonisti nei controlli, non solo utili per imbiancare le pareti perché il Comune non trova i fondi necessari, oppure l’Assessore vuole solo braccianti privi di capacità di giudizio utili solo “a chiamata”? A proposito la domanda di accesso ai fondi dei contribuenti che possono destinare l’8×1000 Iperf all’edilizia scolastica a che punto si trova? Perché anche questo tema verrà sviluppato con attenzione nelle prossimo elezioni regionali e nel programma elettorale del Movimento.

Per concludere, la farina scaduta, mangiatevela voi e i vostri figli, noi ci vedremo alla prossima ispezione, questa volta a sorpresa.