E’ apparso sui giornali, il 2 Febbraio, un articolo riguardante l’Ospedale San Paolo di Savona, nell’ASL 2 savonese, dove è stato sancito drasticamente un taglio delle ore di pulizie nella maggior parte dei reparti dell’ospedale: è il risultato del nuovo capitolato aziendale, pubblicato dall’Asl 2, e della gara d’appalto per le pulizie che è stata vinta da una ditta fiorentina, con un ribasso del 28 per cento.

1977050-eccola

Su altro quotidiano, successivamente, il 13/02, sempre la stessa ASL savonese viene riportata la notizia di uno stanziamento di 1 milione e 850 mila Euro per prestazioni specialistiche ambulatoriali presso strutture private accreditate, con lo scopo, stante le dichiarazioni, di ridurre le liste di attesa. In particolare in quelle specialità relative a radiologia ed esami annessi.

Ecco che le 2 notizie, uscite in forma distinta e con tempi differenti, mi hanno scatenato una curiosa connessione neurale dove ho immaginato un vaso che da un lato si svuota e dall’altro si riempie: poco, male e pericolosamente. Come nel film “Limitless” dove il protagonista, grazie ad una particolarissima sostanza sconosciuta, era in grado di usare il suo cervello con le funzioni connettive esponenzialmente amplificate, io, senza arrivare a tanto, credo comunque valga la pena fare una breve riflessione.

Innanzitutto sulla questione delle pulizie, dove peraltro non entro nel merito della percentuale di ribasso, poteva essere addirittura superiore o inferiore, ma pongo una questione ben più importante: le infezioni. Si perché metter mano alle pulizie in una struttura ospedaliera, soprattutto riducendo l’importo economico disponibile, porta con se enormi criticità. Pianificare in certi reparti un solo passaggio giornaliero oltre che indecoroso è estremamente rischioso. Per non parlare delle sale operatorie sulle quali non è accettabile alcuna deroga in termini di pulizie e benché il capitola parrebbe non derogare su questo il rischio che “nei dintorni” le condizioni peggiorino è concreto.

L’altra notizia porta con se un tema complesso sul quale è necessario un tentativo di analisi. In pratica la notizia ci dice che c’è un problema ovvero lunghe liste di attesa per alcune tipologie di esami, note ai savonesi, ovvero la radiologia. Stante sempre l’informazione giornalistica, la soluzione adottata è quella di stanziare delle somme economiche per ampliare le convenzioni con studi clinici privati che offrano sostanzialmente queste tipologie di esami, per supplire appunto all’inadeguata capacitò di offerta della struttura pubblica in questione.

Ecco perché trovo le due informazioni curiose, un ossimoro che tende però a convergere nello stesso punto. Ed infatti dal punto di vista di bilancio, sono ambedue “uscite”, purtroppo lo sono anche dal punto di vista di indirizzo.

Ridurre i costi per la pulizia della struttura ospedaliera passando per la riduzione della pulizia non è la strada corretta e potenzialmente può comportare costi maggiori per il reale rischio infezioni, ulteriori “fughe” verso altri presidi sanitari per il peggioramento qualitativo della struttura, una discesa generale verso il “basso” che sicuramente chi aveva o ha dei dubbi, verrebbe incentivato ad andare nella struttura privata di turno.

Affrontare il problema delle liste di attesa per gli esami di radiologia all’ospedale San Paolo, aumentando le convenzioni esterne, è ancora più insensato: la mia esperienza personale mi permette di affermare che per uno stesso esame radiologico, con lo stesso macchinario e lo stesso personale medico, fatto con servizio sanitario comportava tempi certamente superiori al mese, fatto in regime di “intramonenia” entro 15 giorni l’esame era possibile. Dopo le 17 e il sabato mattina.

Capirete anche voi che questo è il nocciolo della questione. E sostenere che per risolvere il problema delle code è necessario stipulare ulteriori convenzioni con l’esterno è come dire che se c’è troppa coda per entrare al cinema a vedere un film vado a vederne un altro di cui non ho alcun interesse.

Non ho risolto il problema e ho buttato via dei soldi.